Nardò: storia, meteo, info turistiche

Nardò: storia, meteo, info turistiche

Nardò è una città situata nella regione del Salento, in provincia di Lecce, nel sud-est dell’Italia. La sua posizione geografica lo pone nel cuore della penisola salentina, a breve distanza dalle coste ionica e adriatica. La città, che conta circa 30.000 abitanti, è famosa per il suo centro storico ben conservato, con numerose chiese barocche, palazzi nobiliari e una suggestiva piazza centrale. La città è anche rinomata per la sua produzione di olio d’oliva e vino, nonché per le sue spiagge di sabbia fine e mare cristallino.

Cenni Storici

La città di Nardò ha una lunga storia che risale all’età del bronzo, quando la zona era abitata dai Messapi, una popolazione di origine illirica. Nel corso dei secoli, la città fu conquistata dai Romani, dai Bizantini e dai Normanni, assumendo sempre più importanza come centro commerciale e strategico.

Nel Medioevo, Nardò divenne un importante centro feudale, passando tra le mani di diverse famiglie nobili, tra cui i Del Balzo, i Gonzaga e i Sanseverino. Nel XVI secolo la città raggiunse il suo massimo splendore sotto il dominio dei duchi di Lemos, che costruirono numerose chiese, palazzi e fortificazioni. Nel corso dei secoli successivi, la città subì l’influenza spagnola e borbonica, fino a diventare parte del Regno d’Italia nel 1860.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la città subì pesanti bombardamenti che causarono la distruzione di gran parte del centro storico. Tuttavia, grazie agli sforzi di ricostruzione, la città è riuscita a mantenere il suo fascino e il suo patrimonio artistico e culturale.

Oggi Nardò è una città moderna, ma ancora fortemente legata alle sue radici storiche e culturali. È diventata una meta turistica rinomata, grazie alle sue bellezze naturali, alle spiagge incantevoli e all’offerta gastronomica e vinicola di alta qualità.

Cosa vedere a Nardò

Se stai programmando una visita a Nardò, ci sono molte cose da vedere e da fare nella città e nelle immediate vicinanze.

Innanzitutto, una visita al centro storico della città è d’obbligo. Il cuore della città è la suggestiva Piazza Salandra, circondata da importanti edifici storici. Tra questi il Palazzo del Principe, il Palazzo Filomarino, la Chiesa del Santissimo Salvatore e la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Da non perdere anche il Palazzo della Cancelleria, sede del Museo Archeologico della città, dove è possibile ammirare importanti reperti risalenti al periodo messapico e romano.

Nardò è circondata da numerose masserie, alcune delle quali risalgono al XVII secolo, e che offrono la possibilità di degustare vino, olio d’oliva e prodotti locali. Fra le masserie più famose spicca la Masseria Li Surii, che si trova nella zona di Savelletri e che è stata recentemente ristrutturata.

Per gli amanti del mare e delle spiagge, a pochi chilometri dalla città si trovano alcune delle più belle località balneari della Puglia, come Santa Caterina, Santa Maria al Bagno e Porto Selvaggio, dove è possibile godere di acque cristalline e paesaggi mozzafiato.

Infine, per chi è in cerca di avventura, la città è la sede del circuito di prova della Ferrari e offre la possibilità di partecipare a esperienze di guida sulle auto sportive più prestigiose.

Insomma, Nardò è una città ricca di storia, cultura, natura e divertimento, che merita sicuramente una visita.

Clima e Meteo: quando visitare Nardò

Il clima di Nardò è di tipo mediterraneo, caratterizzato da estati calde e asciutte e inverni miti e umidi. Le temperature medie estive oscillano tra i 24 e i 30 gradi Celsius, mentre quelle invernali si aggirano intorno ai 10-15 gradi Celsius.

Il periodo migliore per visitare la città va da maggio a settembre, quando le temperature sono piacevoli e il clima è ideale per godere delle spiagge e delle attività all’aperto. Tuttavia, anche la primavera e l’autunno possono essere ottime stagioni per visitare la città, con temperature più miti e meno affollamento turistico.

Da evitare invece i mesi invernali, quando le temperature possono scendere notevolmente e il clima può essere molto umido e piovoso, specie nei mesi di dicembre e gennaio. In ogni caso, è sempre consigliabile consultare le previsioni meteorologiche prima di partire per organizzare al meglio il proprio viaggio.

Barbara Russo

Related Posts

5 posti per sciare in Piemonte

5 posti per sciare in Piemonte

Catania: storia, quando andare e cosa vedere.

Catania: storia, quando andare e cosa vedere.

Verona: cenni storici e turismo.

Verona: cenni storici e turismo.

Bari: storia, cosa vedere e clima.

Bari: storia, cosa vedere e clima.